EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

L'assegnazione di un alloggio di Edilizia residenziale pubblica avviene attraverso l'emanazione di bandi pubblici con cadenza semestrale o annuale. I bandi vengono pubblicati all'albo pretorio del Comune e presso la sede dell'Azienda Lombarda per l'Edilizia Residenziale (ALER). Ne viene data diffusione con la pubblicazione della notizia sulla home page di questo sito.
Alla chiusura deI termini del bando gli uffici competenti provvedono alla formazione della graduatoria per l'assegnazione degli alloggi e alla sua immediata pubblicazione.
 
Domanda di assegnazione di alloggio ERP
Cos'è:
Gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, o case popolari, sono abitazioni di proprietà pubblica che sono concesse in affitto a canone sopportabile o a canone moderato a persone singole o a famiglie in condizione disagiata. L'assegnazione, la gestione e la determinazione del canone di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica sono regolati dalla Legge regionale 04/12/2009, n. 27 e dal Regolamento Regionale 10/02/2004, n. 1 e successive modifiche e integrazioni.
 
Quando si può richiedere l'assegnazione di un alloggio ERP
Le domande possono essere presentate solo durante il periodo di apertura del bando di assegnazione.

Chi può richiedere l'assegnazione di un alloggio ERP
I bandi generali di concorso sono aperti a tutti i cittadini in possesso dei requisiti previsti dalla normativa regionale vigente in materia di Edilizia residenziale pubblica.

Requisiti richiesti per poter presentare la domanda
Il richiedente e i componenti del nucleo familiare, devono possedere i requisiti previsti dal bando al momento della presentazione della domanda e dell’eventuale assegnazione.

Per il solo richiedente
Cittadinanza italiana o di un altro Stato aderente all’Unione Europea oppure cittadinanza di un altro Stato purchè il richiedente sia in possesso di un regolare permesso di soggiorno con validità almeno biennale e di un'attività lavorativa regolare o di una carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE per soggiorni di lungo periodo.
Essere residente anagraficamente e/o svolgere attività lavorativa sul territorio della Regione Lombardia (per gli iscritti all'AIRE il periodo da prendere in considerazione è quello immediatamente precedente all'iscrizione) da almeno cinque anni consecutivi nel periodo immediatamente precedente alla data di presentazione della domanda;
Essere residente anagraficamente o lavorare sul territorio del Comune di residenza alla data di presentazione della domanda di assegnazione, oppure risiedere e lavorare in Comuni che non abbiano indetto alcun bando nell'anno precedente all'indizione del bando.
 
Per il richiedente e per ciascuno dei componenti del suo nucleo familiare
- non essere mai stati proprietari di altri alloggi costruiti con agevolazioni o contributi pubblici;
- non aver perso il diritto a una precedente assegnazione di un alloggio ERP per averlo usato per attività illecite, per averlo ceduto in tutto o in parte a terzi non aventi diritto;
- non essere stati sfrattati da un alloggio ERP per morosità e non aver occupato abusivamente un alloggio ERP nei 5 anni precedenti la domanda;
- non essere proprietari e non aver altri diritti di godimento su un immobile sul territorio nazionale e/o all'estero adeguato alle esigenze del nucleo familiare.

N.B. i familiari non cittadini dell'Unione Europea devono essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno o di una carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Per l'intero nucleo familiare
Per gli alloggi a canone sopportabile: avere un situazione economica equivalente ISEE-ERP non superiore a € 16.000,00 (stabilito dalla Regione, al netto delle voci detraibili indicate dal Regolamento Regionale), purchè l’ISE-erp non sia superiore ai 17.000,00 euro.
Per gli alloggi a canone moderato: avere un situazione economica equivalente ISEE–erp compreso fra 14.000 euro e 40.000,00 euro.

[fonte: sito Regione Lombardia]