Elezioni del 26 maggio 2019 per il rinnovo del Parlamento Europeo
13/05/2019
 Elezioni del 26 maggio 2019 per il rinnovo del Parlamento Europeo

Nella giornata del 26 maggio 2019 si terranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo.
SI POTRA' VOTARE NELLA SOLA GIORNATA DI DOMENICA 26 MAGGIO DALLE ORE 7:00 ALLE ORE 23:00.
Gli elettori potranno votare nel seggio indicato sulla loro tessera elettorale  presso le Scuole medie di via Martiri della Libertà n. 43.

APERTURE STRAORDINARIE UFFICIO ELETTORALE:
Ai soli fini del: •rilascio di certificati di iscrizione nelle liste elettorali;•autentiche di sottoscrizioni ad uso elettorale;
•rilascio di Tessere elettorali; •rilascio carte d'identità,
l'ufficio Elettorale comunale osserverà, oltre ai consueti orari di apertura al pubblico, i seguenti giorni ed orari di apertura straordinaria:
•venerdì 24 maggio: dalle ore 9:00 alle ore 18:00
•sabato 25 maggio: dalle ore 9:00 alle ore 18:00
•domenica 26 maggio: dalle ore 7:00 alle ore 23:00


IL VOTO PER IL RINNOVO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Le elezioni europee del 2019 si terranno negli stati membri dell'Unione europea  tra il 23 e il 26 maggio, come deciso unanimemente dal Consiglio dell'Unione europea. Tutti i Paesi inizieranno però lo spoglio dei voti alle 23.00 del 26 maggio, in modo tale da rendere lo scrutinio una procedura simultanea in tutta l'Unione. Le elezioni europee del 2019 rappresenteranno la nona tornata elettorale per il Parlamento europeo. Il primo voto risale al 1979.
La legge elettorale italiana per il Parlamento europeo,L. n.18/1979, disciplina il sistema elettorale per l'elezione dei rappresentanti italiani presso il Parlamento europeo.

Circoscrizioni
Il territorio nazionale italiano è suddiviso in 5 circoscrizioni plurinominali assegnatarie di un numero di seggi variabili a seconda della popolazione. Ogni circoscrizione comprende molteplici regioni, secondo il seguente elenco:
1.Italia nord-occidentale (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia);
2.Italia nord-orientale (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna);
3.Italia centrale(Toscana, Umbria, Marche, Lazio);
4.Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria);
5.Italia insulare (Sicilia, Sardegna).
Il complesso delle circoscrizioni elettorali forma il collegio unico nazionale.
La ripartizione dei seggi si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica per il numero dei rappresentanti spettante all'Italia nel Parlamento europeo (nella legislatura 2004-2009 erano 78, nella legislatura 2009-2014 sono scesi a 72 ed erano 73 nella legislatura 2014-2019 e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, risultante dell'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.
Secondo il decreto del 1º aprile 2009 , l'assegnazione teorica (vedi sotto) dei seggi alle circoscrizioni è la seguente:
•I. Italia nord-occidentale: 20
•II. Italia nord-orientale: 14
•III. Italia centrale: 14
•IV. Italia meridionale: 17
•V. Italia insulare: 8

IL SISTEMA DI VOTO
La legge in oggetto, salvo la citata modifica del 2009, è improntata ad un principio proporzionale ancor più perfetto di quello della legge elettorale per la Camera in vigore nel 1979, e alla quale essa si ispirava.
Il calcolo dei seggi attribuiti ad ogni lista avviene semplicemente a livello centrale nel collegio unico nazionale, per tramite del metodo Hare-Niemeyer dei quozienti naturali e dei più alti resti. Determinato il numero di seggi spettanti ad ogni partito, gli stessi vengono suddivisi fra le singole liste circoscrizionali con lo stesso principio proporzionale puro: ne consegue il ruolo meramente procedurale delle circoscrizioni, e la possibilità della variazione del numero complessivo dei rappresentanti delle singole ripartizioni.
Sempre secondo il modello politico vigente nel 1979, tale legge prevede il voto di preferenza plurimo per i candidati della lista: ogni elettore può esprimere il proprio gradimento fino a tre candidati, e gli stessi vengono proclamati eletti, nel limite degli scranni ottenuti da ogni lista circoscrizionale, secondo la graduatoria di consensi ottenuta. Le preferenze vanno espresse a candidati di genere diverso, pena l'annullamento della terza preferenza .Nel caso fossero presenti nella medesima lista candidati con uguale cognome, va obbligatoriamente segnato sulla scheda anche il nome di colui al quale si desidera offrire la preferenza.
Il voto è permesso ad ogni cittadino italiano che abbia compiuto il 18º anno di età e che sia iscritto nelle liste elettorali. Sono anche elettori i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea che, a seguito di formale richiesta presentata entro 90 giorni dalla elezione, abbiano ottenuto l'iscrizione nella lista elettorale del comune italiano di residenza.
Gli elettori italiani residenti all'estero in un paese dell'Unione europea possono partecipare alle elezioni del Parlamento europeo con tre modalità alternative:
1.scegliendo di votare la scheda nazionale del paese estero in cui si trovano (in tal caso devono formalizzare la richiesta e vengono inclusi nell'elenco del comune estero di residenza); oppure
2.recandosi in Italia; oppure
3.recandosi presso il consolato italiano di competenza: in questo caso viene consegnata all'elettore la scheda di una delle cinque circoscrizioni elettorali europee in Italia.
Potranno inoltre votare - solo per corrispondenza - dipendenti pubblici, ricercatori e militari anche se residenti al di fuori dell'Unione europea.
Per essere eletto al Parlamento europeo come membro della delegazione italiana, occorre aver compiuto 25 anni entro il giorno delle elezioni. Sono anche eleggibili cittadini degli altri Stati membri dell'Unione che siano in possesso dei requisiti di eleggibilità previsti dalle leggi italiane e che non siano decaduti da tale diritto nel loro Stato membro di origine.

In allegato fac-simile scheda elettorale


 
Documenti
  1. FAC-SIMILE SCHEDA ELETTORALE